Principi cooperativi

Condividi sui Social Network

I principi a cui Legacoop e le imprese cooperative aderenti che la costituiscono orientano il proprio agire hanno radici nella “Dichiarazione di identità cooperativa”, approvata dall’Alleanza Cooperativa Internazionale al 31° Congresso di Manchester (1995). I principi a cui sono chiamate a far riferimento tutte le imprese cooperative aderenti hanno come organo di riferimento primario la Costituzione Italiana.

 

 

1. Libertà – La libertà dai vincoli dell’appartenenza politica e dai poteri economici e finanziari garantisce all’impresa cooperativa la possibilità di realizzare con indipendenza e autonomia ogni altro valore.

 

2. Sicurezza – L’impresa cooperativa costruisce il proprio sviluppo sesnza cedere a nessuna forma di sfruttamento del lavoro e delle persone, contrastando anzi incertezza e precarietà e perseguendo un lavoro sicuro e di qualità.

 

3. Parità – L’impresa cooperativa valuta le politiche per le pari opportunità, contro ogni forma di esclusione e segregazione, in particolare quella di genere, come uno strumento critico di successo ritenendo che non puo’ esserci una crescita equilibrata là dove c’è spreco di capitaleumano. Tali politiche sono parte integrante della rendicontazione sociale dell’impresa cooperativa.

 

4. Dinamismo – L’impresa cooperativa è una presenza dinamica e competitiva, capace di essere sul mercato un punto di riferimento e di svolgere una funzione di calmiere dei prezzi dei beni e servizi offerti, di valorizzazione e qualificazione delle prestazioni di lavoro e delle attività di impresa.

 

5. Vicinanza – L’impresa cooperativa – in un mondo in cui i centri decisionali appaiono sempre piu lontani – è un punto di riferimento vicino, capace di leggere i bisogni delle persone e delle comunità e di fornire di conseguenza risposte efficaci, promuovendo le capcità di auto-aiuto, nonchè di contribuire a rendere effettiva e utile la pratica della partecipazione democratica.

 

6. Comunità – L’impresa cooperativa opera secondo i principi della responsabilità sociale, ovvero contempera le esigenze competitive con la cura dell’ambiente circostante, delle comunità in cui è inserita, delle persone che vi lavorano e di quelle che usufruiscono dei suoi servizi o acquistano i suoi prodotti. I rapporti e i bilanci sociali e altre forme di rendicontazione sono una prassi individuata per rendere conto di questo impegno.

 

7. Fiducia – L’impresa cooperativa con i propri comportamenti agisce in modo trasparente e onesto verso soci, fornitori, clienti, cittadini e consumatori. Con il proprio agire alimenta così le reti sociali e potenzia le capacità individuali, contribuendo a rafforzare un clima di fiducia e libera intraprendenza.

 

8. Equità – L’impresa cooperativa opera nel mercato perseguendo l’equità, ovvero l’equilibrio tra ciò che offre e ciò che riceve nel proprio interscambio con il contesto circostante.

 

9. Collaborazione – L’impresa cooeprativa impronta il proprio atteggiamento alla reciproca collaborazione con le altre cooperative.

 

10. Solidarietà – L’impresa cooperativa considera la solidarietà un valore distintivo della relazione tra le persone, principio ispiratore dell’esistenza dell’impresa cooperativa e regola nei rapporti interni. La solidarietà, per l’impresa cooperativa, è anche autorganizzazione, capacità di fare insieme: per questo è considerata un valore da riconoscere e sviluppare nelle comunità locali nella quale è inserita. Solidarietà è, infine, per i cooperatori e le cooperatrici impegno diretto da tradurre in scelte e azioni concrete per aiutare le persone a superare le proprie difficoltà e costruire nuove opportunità per tutti e tutte.